lunedì 31 ottobre 2011

mercoledì 19 ottobre 2011

Libriiiiii!

Ecco un elenco di libri vari, scritti da italiani e da stranieri, dedicati alla bicicletta, alla sua storia, alla manutenzione, al suo uso urbano come mezzo di trasporto antagonista dei motori, a personaggi bizzarri che hanno vissuto con una o più bici per loro fondamentali, ecc.

lunedì 17 ottobre 2011

Grafico sui km percorsi in bici in Europa

Sconvolgente grafico sui km percorsi in media ogni anno dagli abitanti delle varie nazioni europee:

Notare come i Paesi più cicilisticamente evoluti/civilizzati siano quelli dove le persone sono generalmente più educate (Danimarca, Paesi Bassi, Belgio, Germania, Svezia, Finlandia), qualcosa vorrà pur dire!

Si ringrazia vivamente la versione francese di Wikipedia

martedì 11 ottobre 2011

Città insidiosa - Dannati binari

Cercando sempre nuove vie, a volte capito in viuzze che presentano due file di binari e oggi, per la seconda volta quest'anno dopo appena 4 mesi e mezzo, sono scivolato (per colpa mia, lo ammetto, perchè non sono abituato a viaggiare attraverso i binari specie se devo frenare di colpo) proprio per colpa sia mia che dei binari super lucidi.

Scrivo questo post sia per lamentarmi del fatto che certe vie che poi presentano una pista ciclabile, inizinalmente sono invece caratterizzate da queste trappole, sia per mandare a fanculo tutti gli automobilisti che mi han visto cadere e rialzarmi sofferente e che non mi hanno degnato di alcuna loro attenzione, eppure il codice della strada parla chiaro: in caso di incidente bisogna prestare soccorso o chiamare soccorso.

Vergognatevi, continuate ad essere gli esseri più insulsi, viscidi, inutili e dannosi del pianeta!

mercoledì 5 ottobre 2011

Colpa dell'Ipod, non dei motori


Una ragazza americana è stata travolta da un'automobile in una statale, mentre stava praticando del sano jogging, ma poteva benissimo essere in bici!


Cosa mettono come titolo certi giornalisti? "Allison, travolta da un auto (fin qui va bene, purtroppo, ndg). Forse "colpa" I-pod (per non cadere nel ridicolo hanno inserito le virgolette, ndb)" Fonte: Leggo.it

Anche un commentatore è caduto nella trappola che porta all'imbecillità:
"Spesso chi va a piedi ha le orecchie impegnate da auricolari o telefonini, sono di pericolo per loro e gli altri, quindi da vietare, possibile solo se fermi", Boomerang.

L'unico pericolo, se c'è uno, è per loro, non certo per gli altri visto che uno a piedi se si contra con altri non causerà nè ferimenti nè decessi.
Il pericolo reale invece sono le auto e i loro spot basati solo sulla velocità e addirittura sulla potenza, anche se le due cose in fondo sono legate, ma ovviamente nessun giornalista e commentatore salta mai in mente di accusare i motori, i produttori, gli automobilisti.
No, mai, è giusto invece guidare ogni giorno l'auto fino allo sfinimento, è giusto schiacciare l'acceleratore, è giusto non accusare mai gli automobilisti, specie se italiani, se stranieri allora dagliene solo di botte, ma sempre e solo pedoni e ciclisti. A volte penso che l'evoluzione non esista, o meglio, quella mentale e morale non esiste, mentre quella tecnico-scientifica sì, purtroppo, visto che porta al disprezzo di chi non ne fa un grande uso.

Come si può accusare un pedone perchè intento ad ascoltare musica? Per di più in una strada stretta (dalle poche foto che ho potuto vedere m'è sembrata tale), dove quindi anche se avesse sentito l'arrivo dell'auto - e comunque un motore rombante lo senti anche con le cuffiette! - non avrebbe potuto fare nulla! Velocità assurda e spazio ristretto, fate voi..

Una mia seconda lettera a difesa dei ciclisti vituperati

Se RAITRE parla della Strage dei Pedoni (link 1 e 2; "Una strage di cui ci accorgiamo solamente una volta l’anno quando le statistiche si incaricano di mostrare il deficit di sicurezza e l’indifferenza verso i diritti di chi sceglie di camminare a piedi per le vie delle città italiane", proprio come vogliono i tecnocrati, che se ne parli poco cioè per mandare avanti questo sistema marcio), su Mediaset, più precisamente in quel programma farsa di casi stupidissimi chiamato Forum, un certo ex attoruncolo, tale Bracconeri, si permette di affermare che TUTTI i ciclisti siano indisciplinati. A parte che la disciplina la lasciamo benissimo e con tanta felicità a chi vuole annullare il proprio io, in questo caso si dovrebbe parlare di "ciclisti violatori del codice della strada".

Vediamo la mia risposta:

"Caro Bracconeri,
magari il problema fossero i ciclisti! Se è vero che alcuni passano col rosso, magari quando è già buio e sono senza luci, o salgono sui marciapiedi sfrecciando, è anche vero che è la velocità, la massa, la grandezza ed il peso delle automobili e furgoni vari ad essere pericolosa. Sono questi che generano centinaia di migliaia di morti ogni anno nella sola Italia. Pensa in tutto il mondo: uno sterminio!
Gli automobilisti sono drogati dai motori, sono un pericolo costante per la vita di tutti, anche la propria, fattene una ragione e sputa meno sentenze.
Per fortuna abito al Nord dove bene o male posso pedalare senza rischiare troppo, invece ho saputo che Roma è invivibile e forse ciò genera tanta invidia verso chi ha il fisico per pedalare.
Mi dispiace, continua a rosicare e paga la benzina, schiavo!
"

PS: ma cosa ci si può aspettare da un canale che vive grazie agli spot automobilistici???

domenica 2 ottobre 2011

22: Colle Braida #2

A Maggio avevo parlato della salita al Colle Braida passando dalla Sacra di San Michele (d'estate è ottimo salire da questo versante nel pomeriggio, perchè c'è tanta ombra; in questo periodo - autunno - invece ho notato che anche verso le 16.30 il fresco si fa sentire molto), per poi scendere a Giaveno da Valgioie.

Oggi invece sono salito da Giaveno e Valgioie e ridisceso dalla stessa strada (link Google Maps), perchè?
Semplice: perchè è fantastica!!!
Probabilmente una delle migliori discese vicino a Torino!
Un'altra ottima è quella che parte da Alpe Colombino sopra Coazze (link Google Maps)


Il problema è ovviamente la salita, poichè non molla un attimo: sono 7,7km che portano da quota 520 ai 1000mt del Colle Braida. Niente di terribile, io ovviamente non mi sono mai fermato, sono sempre andato ad un'andatura costante, però non è una passeggiata.

So che un'informazione sempre richiesta è la posizione delle fontane.
Bene, ce ne sono almeno due nella salita: una in cima, l'altra invece all'incirca al km 5.5, ma la si nota facilmente perchè sta in un giardinetto sulla destra.