domenica 12 luglio 2015

BICI D'ESTATE: COME PROTEGGERSI DAL SOLE

Oggi, domenica 12 luglio 2015, è morto un ciclista (amatore) durante la corsa Gran Fondo Fausto Coppi partita da Cuneo. Aveva 41 anni ed era giunto ad oltre metà del percorso.

Indipendentemente dalle cause che possono portare all'infarto e dai suoi eventuali problemi cardiovascolari, durante un'estate caldissima come questa, dove la temperatura percepita tocca i 40° e dove il vento è quasi totalmente assente, bisogna assolutamente stare attenti, per cui, se andiamo a pedalare:

EVITIAMO DI DARE IL MASSIMO, anche se il nostro precedente allenamento ce lo consentirebbe

EVITIAMO DUNQUE DI GAREGGIARE, tanto non siamo professionisti per cui perché rischiare per un sorpasso inutile?

EVITIAMO DI USCIRE NELLE ORE PIU' CALDE, ad esempio dalle 12 alle 17 (aggiornamento 16 luglio 2015: ora fa davvero caldo, è un inferno, con le lamiere delle auto e l'asfalto che moltiplica a non finire il calore del sole.. il mio consiglio ora come ora è quello di uscire soltanto dalle 6 alle 8 massimo 9, poi la cosa dipende anche dove uno è, se in un bosco, in montagna o se in città e su asfalto, ma indicativamente fate davvero attenzione!!!)

PEDALIAMO AL MATTINO PRESTO ANZICHE' NEL TARDO POMERIGGIO (come sopra!)


COPRIAMOCI LA TESTA SIA COL CASCHETTO CHE CON UNA BANDANA, senza di questa, infatti, veniamo colpiti dai raggi solari per cui un "colpo di sole" è sempre dietro l'angolo!

USIAMO SEMPRE IL CASCO, per il motivo di prima (eventuale "colpo di sole" che ci stende a terra!)

SPALMIAMOCI SEMPRE LA CREMA SOLARE, io uso la massimo, a me dell'abbronzatura frega nulla, io ci tengo alla mia saluta! E usiamola per tutto il corpo, anche per le zone, ad esempio il petto, coperte dalla maglietta.

METTIAMO 2 BORRACCE SUL TELAIO E IL CAMELBACK NELLO ZAINETTO, perché se durante le stagioni meno calde si deve sempre bere, figuratevi ora. Usate l'acqua non solo per bere ma anche per rinfrescare il corpo, bagnatevi la testa, le braccia e le gambe, specialmente i polpacci.

BEVIAMO ANCHE INTEGRATORI SALINI E ASSUMIAMO LE VARIE BARRETTE ENERGETICHE

CONTROLLIAMO IL METEO, oggi ad esempio ho scoperto che fino al 22 luglio la temperatura non dovrebbe abbassarsi (e controlliamo anche se son previsti dei pericolosi temporali pomeridiani in montagna).

In questi giorni vedo diverse persone correre in pieno giorno, tra l'altro con magliette normali, per nulla tecniche, senza cappellino e senza borraccia. Questa è PURA PAZZIA. NON FATELO MAI! Martedì 14 luglio 2015 ho visto una signora corricchiare lungo una strada di fianco ad un parco (ma di fianco, non dentro!) sotto il sole cocente delle 12:55 senza alcun cappellino.. ripeto, questa è PAZZIA TOTALE!

lunedì 6 luglio 2015

Bici in contromano? Basta saperlo..

Oggi pomeriggio ho fatto una commissione in bici verso il centro e, sia all'andata che al ritorno, non ho avuto problemi.

Tranne che per pochissimi secondi quando, pedalando in una via a senso unico che ne incrociava un'altra simile dove i mezzi si spostano da Sud a Nord, ho beccato un altro ciclista andare doppiamente in contromano, ovvero prima è andato da Nord verso Sud anziché il contrario, per poi svoltare proprio nella via nella quale c'ero io!!

Ma è assurdo!!!

Io guardavo alla mia sinistra, cioè verso Sud, per capire se arrivasse qualcuno, e invece mi vedo spuntare sto tizio qua tutto tranquillo alla mia destra..

Se uno guarda i cartelli e si regola di conseguenza, rischia grosso se poi arriva un pazzo contromano quando il contromano per le bici a Torino che io sappia non è stato ancora legalizzato.

domenica 5 luglio 2015

Italiani MEDI e il CALDO AFRICANO

Pazzesco, l'Italia è veramente piena, anzi strapiena, di italioti, ovvero di RINCOGLIONITI!

Il TG1 ha appena mandato in onda un servizio sul caldo e sulla gente che circola per le strade delle nostre città e, in pieno giorno col sole a picco, ci ha mostrato gente in giro coi bambini, gente in giro coi neonati, gente in giro che correva a piedi e in bici, gente molto anziana che arrancava, gente che magnava fritto e beveva birra.

Quelli coi bambini dicevano o che dovevano fare una commissione o che, dato che avevano mangiato a mezzogiorno, ora erano fuori per godersi la città vuota (beh, più o meno vuota). Ebbé, normale no, mangio alle 12, poi dopo neanche 2 ore esco coi bimbi per godermi la città, manco la città fosse un giardino.

Una signora a spasso con l'anziana madre non ha saputo dire nulla se non "Eeeeeeeeeeeh".

Quello in bici invece ha detto: Mah, penso che basti idratarsi.
Già, certo, coprirsi la testa no eh? Lui se ne andava in giro bello spavaldo con la crapa pelata senza manco una bandana. E idratarsi che significa? Se significa solo acqua e non anche sali minerali e zuccheri non dico che sia inutile ma di sicuro manca qualcosa che ti fa stare in piedi.

E se la gente non sa badare alla propria SALUTE, pensate che gli possa fregare qualcosa dell'Italia in generale? Sta gente vota.. e vota con la pancia mi sa.

giovedì 2 luglio 2015

Più VIGILI e più POLIZIA STRADALE

Ieri ho ricevuto una multa proveniente dal Comune di Grugliasco (TO), perché a metà giugno avevo svolta a destra col rosso pieno con la mia autovettura (corso Allamano angolo via Leonardo da Vinci).

Va beniiiiissimo. Giusto così. La accetto. Già pagata.

Per completezza di informazione però mi preme dire che era domenica, non c'era nessuno, faceva un caldo maledetto e non vedevo l'ora di raggiungere il posto in cui dovevo andare, non c'erano alcune strisce pedonali, per cui senza pensarci troppo ho svoltato.
Come detto ho sbagliato e ne pago le conseguenze, ma non ho rischiato di fare alcun incidente, né di mettere sotto gente a piedi o in bici.

E allora, direte voi, qual è il problema?
Il problema, l'avrete già capito, ne sono convinto, è che il sindaco e il capo della Polizia Municipale affermano di aver installato le telecamere in alcuni punti di corso Allamano perché quando non c'erano, gli incidenti erano numerosi, e alcuni di questi son stati mortali anche se per pochissime persone.
Non penso che svoltare a destra in una zona a metà tra la campagna e la zona industriale possa provocare grandi incidenti..
Stamattina invece sono andato a Chieri, sempre in automobile, e ne ho viste di cotte e di crude: la gente dice che gli fa schifo lavorare, poi però son tutti lì a sgasare per correre in fabbrica o in ufficio sti maledetti senza cervello e senza cuore. Sì, senza cuore.. non centra nulla con questo discorso ma se guardo con distacco la gente, vedo soltanto degli automi pronti a compiere ben determinate azioni senza pensare alle emozioni, ai brividi, ecc.. questi magari vengono riservati esclusivamente al w.e., mah.
Comunque, ecco cosa ho visto: gente che filava dritto, a buona andatura, passando col rosso pieno, gente, tra cui un furgonista (si dice così?) intenta a sorpassare dove??? Massì, nel bel mezzo di una salita e discesa di un cavalcavia abbastanza trafficato facente parte di un luuungo rettilineo, poi altri che, sempre con sti cazzo di furgoni, alle rotonde non danno le precedenze, altri che anche nei paesi passano col rosso, altri che posteggiano sul marciapiede perché solo lì c'era l'ombra e dovevano fare una cosa urgentissima, pensate, portate i bimbetti ai giardinetti.. andarci a piedi no, eh, costa fatica!

Insomma, di gente da multare in maniera dura e salata ce n'è eccome. Peccato che in giro di vigili intenti a multare tutti questi mezzi delinquenti non ne ho visti proprio.
Concludo pensando che in Svizzera fanno bene a multare in base al reddito, perché ad un ricco di ricevere una multa di 100 euro o poco più frega nulla, quindi continuerà a infrangere il codice stradale. Per fortuna però, di ricchi non ce ne sono tanti..