lunedì 2 gennaio 2017

Per gli automobilisti l'illegalità è normale

Ho appena letto, su un giornale locale, un articolo riguardante la reazione della popolazione automunita torinese verso le giuste, anzi giustissime, multe inflitte loro dai vigili urbani.

L'articolo in questione si riferisce al quartiere Campidoglio, ma la questione riguarda anche ogni altra zona.
In ogni via, abbastanza stretta e ricca di negozi, troviamo tantissime automobili posteggiate nei posti e nei modi più disparati: doppia fila (a volte anche tripla), sulle strisce pedonali, sulle piste ciclabili o direttamente sui marciapiedi (gulp!).

Purtroppo, dato che in questa società si bada più ai soldi, al PIL, che ad altro, tipo alla salute e alla decenza, all'armonia, alla bellezza, ecc., ecco che in questi giorni di "festa", i vigili sono stati applauditi per.. non aver inflitto la solita caterva di multe.

Evviva, i commercianti sono felici e gli autoimmobilisti non hanno più avuto paura di posteggiare liberamente nei divieti di sosta.

Ma per voi è normale vivere in una città dove la gente anzichè cercare posteggio, la mette davanti all'ingresso del negozio di turno rovinando la vita a pedoni, ciclisti e agli altri autoimmobilisti?

Non capisco perché questa gentaglia deve poter posteggiare dove diavolo vuole, mentre io quando faccio l'inscatolato benzinaro, faccio giri su giri per cercarne uno e, se proprio non lo trovo, posteggio anche molto lontano.

venerdì 2 dicembre 2016

Incidente rotonda strada del Drosso 1 dic 2016

Ieri mattina, purtroppo, verso le 6.30 del mattino, una coppia di anziani è stata investita da un'automobilista (che si è subito fermato), sulle strisce pedonali presenti nelle vicinanze della rotonda di corso Unione Sovietica/strada del Drosso.

Vedendo la foto su un giornale online, si tratta sicuramente del tratto indicato in questa immagine:


Nei punti esterni della città (ma non solo), le rotonde sono molto usate, ma sono anche molto pericolose, perché il flusso di autoveicoli è veramente enorme, gigante, impressionante!
Sia al mattino che di sera.

Non mi stupisco affatto di questo incidente, nonostante l'esistenza del semaforo per i pedoni, non certo presente in tutte le rotonde.

Purtroppo nelle rotonde molto trafficate, quando un'automobilista trova il varco libero per proseguire il suo cammino, pensa solo ad accelerare per uscirne il prima possibile.

Le rotonde non mi piacciono proprio per niente.

La stupidità del centro-destra

A Torino un esponente del PD ha pensato di intitolare un giardino in zona San Donato a quei poveri ragazzi norvegesi trucidati da quel pazzo criminale nazista, anch'esso norvegese.

Il fatto avvenne nell'isolotto di Utoya e il giardino in questione potrebbe proprio chiamarsi: "Ragazzi di Utoya".


Non l'avesse mai fatto questo politico: il centrodestra, composto da Forza Italia, Lega Nord e il partito di Roberto Rosso si sono scagliati contro questa iniziativa perché prima di tutto devo venire gli italiani e chi se ne frega degli europei visto che l'Europa ci considera delle nullità e stronzate di questo tenore.

mercoledì 30 novembre 2016

Quanto mangiare in un giorno?

E' incredibile come, tramite una semplice ricerca su Google, si riescano a trovare siti semplice e ricchi di info utili per la nostra vita.

Questo, "CalorieGiornaliere" ad esempio, è molto interessante perchè, in base ai nostri dati, ci dice quante kcal dobbiamo assumere in un giorno.

Certo, sicuramente non è perfetto, perché la dicitura "attività fisica media, 3-5 volte a settimana" può voler dir tutto o niente, però per iniziare è meglio di niente.

domenica 27 novembre 2016

4 consigli della Gazzetta per allenarsi meglio

Ottimi consigli da parte della Gazzetta dello Sport per quanto riguarda la corsa e di conseguenza anche il ciclismo:

1 - Correre quando c'è il sole: i raggi solari favoriscono infatti l'attivazione della vitamina D che fissa il calcio nelle ossa, preservandole dalle fratture. Inoltre, la vit. D aiuta a non soffrire di ansia, depresisone e disturbo affettivo stagionale.

2 - Mangiare alimenti ricchi di ferro: bisogna curare l'alimentazione per non soffrire di carenza di ferro, che aiuta ad assorbire l'ossigeno e a distribuirlo ai tessuti. In caso di carenza, muscoli e cervello si sentirebbero più affaticati. Dove troviamo il ferro? nella carne (compreso il pesce), nelle uova, nei legumi e nella frutta secca. Secondo uno studio, consumare aglio e cipolla aumentano l'assorbimento del ferro di circa il 70%.

3 - Non mangiare troppi carboidrati raffinati: mangiando ad es. troppa pasta e pane non integrali, aumenta la glicemia e la produzione di insulina, cosa che porta ad una carenza di glucosio nel sangue e ci invoglia a mangiare ancora altri carboidrati. Questo eccesso porta a nervosismo e stanchezza cronica. Meglio ottenere i carboidrati dalla frutta, dalla verdura e dai cereali integrali (frumento, segale, riso, bulgur, ecc.) e abbinarli ovviamente a proteine, grassi buoni e un paio di noci.

4 - Carenza di omega-3: è un grasso essenziale che troviamo nell'olio di pesce e previene ansia, depressione e aumenta i nostri riflessi. L'omega-3 mantiene la salute delle cellule del cervello.

5 - Carenza di magnesio: notiamo questa carenza quando ci sentiamo facilmente irritabili, quando facciamo fatica a concentraci, quando soffriamo di crampi notturni, ci sentiamo tesi e rigidi. Il magnesio serve a regolare la trasmissione degli impulsi nervosi e neurmuscolari, riducendo l'adrenalina. Lo sportivo consuma molto magnesio nell'attività fisica e quando ve ne è scarsa quantità è impossibile modulare gli impulsi nervosi.

domenica 13 novembre 2016

Quando sono triste pedalo (Anna Berra)

"Quando il morale è basso, quando il giorno sembra buio, quando il lavoro diventa monotono, quando ti sembra che non ci sia più speranza..
monta sulla bicicletta e pedala senza pensare a nient'altro che alla strada che percorri!"

Fonte: TorinoSette

Come si trasformano i torinesi lontani da casa (Culicchia)

Il sempre stupendo Culicchia


Fonte: TorinoSette